Mi è capitato spesso di cercare di spiegare l’importanza del Ray Tracing in tempo reale, far capire a chi non mastica termini tecnici quanto sia rivoluzionario il poter far girare in tempo reale addirittura un videogioco con alcuni di questi effetti attivi, con risoluzioni superiori al Full HD.

Purtroppo, soprattutto in rete, sui forum, sui siti di notizie, si vede spesso un diffondersi di opinioni ben distanti da chi un minimo mastica giornalmente queste terminologie, ma anzi l’insieme dell’unione del non sapere generale fomenta quasi un darsi manforte sulla scia del “serve solo a dimezzare gli FPS” … quasi solo per la tendenza attuale della ricerca smodata del like …

Questo video prende in esame Control, l’ultimo lavoro Remedy, famosa per il suo indimenticabile Max Payne ma anche perché capace sempre di regalare motori grafici un passo avanti rispetto alla tecnologia del momento. In questo caso hanno approfittato per sfruttare il Ray Tracing e gli enormi benefici grafici che esso comporta.

E’ quindi di conseguenza utilissimo a capire, a chi non ha bene idea di cosa stiamo parlando, quali vantaggi l’RT possa portare e come stravolgerà letteralmente il mondo dei videogiochi, andando ad analizzare effetto per effetto i vari miglioramenti visivi.

Tutto ciò dimezza il framerate?
Assolutamente si, se non di più anche con schede video non al top … ma ciò è qualcosa di cui indignarsi?
Non conoscere la storia dietro al Ray Tracing e che passo evolutivo abnorme sia stato poterci giocare in tempo reale, con framerate sopra i 30 fps, con alcuni effetti abilitati, può lievemente giustificare alcuni dei malcontenti diffusi dopo la presentazione delle RTX … ma il bello di internet è il poter informarsi e capire che, soprattutto con l’arrivo delle nuove consolle compatibili con il RT, ci sarà un salto generazionale senza precedenti che ci catapulterà in un mondo virtuale prossimo, finalmente, al fotorealismo, non comparabile a qualsiasi effetto aggiunto negli ultimi anni.